Sport estremi: Canyoning

Qualcosa di diverso

Non ancora pienamente soddisfatti dalle precedenti esperienze “estreme“, questa volta abbiamo voluto provare qualcosa di diverso…niente a che vedere con il volo stavolta ma comunque altrettanto “rabbrividevole (passatemi il termine 😁 anche se in italiano non esiste).Sto parlando del Canyoning.

Sport

Ho scoperto che il Canyoning, oltre ad essere praticato da tanti appassionati di esperienze forti, è un vero e proprio sport di livello mondiale e che prevede anche molte competizioni importanti in giro per il continente terracqueo.

Il nome deriva dai famosi Canyon americani, dove probabilmente è nato questo sport, solo che date le diverse caratteristiche morfologiche dei monti dell’Italia e dell’Europa, qui è stato tutto riadattato.

Dove?

Per provare questo nuovo brivido ci siamo recati in Val Chiavenna, su questo piccolo monte chiamato Val Bodengo.

Per raggiungerla si attraversa addirittura una strada a pedaggio ed il biglietto si può acquistare nel paesello a valle: Gordona ( mi pare costi 6 euro e vale 24h).

Se non fosse per il Canyoning, che attira turisti e sportivi da ogni dove, questo posto sarebbe visitato solo da coppiette di pensionati ultra 70enni a cui piace respirare aria buona e bivaccare in giardino, ricordando i bei vecchi tempi andati. Per fortuna che hanno inventato questa fantastica disciplina, così le silenziose valli montane possono ospitare ogni settimana centinaia di turisti e sportivi da tutto il mondo (non sto scherzando).

Link

Ecco a chi ci siamo affidati: Canyoning Val Bodengo

Volendo fare le cose con calma è possibile soggiornare per una notte in qualche locanda o agriturismo.

Noi abbiamo scelto questo posto,tra l’altro associato al gruppo Canyoning:

Locanda Sosta Pincee

Se dovessimo tornare non avrei dubbi e lo sceglierei di nuovo per il cibo tipicamente delizioso della zona (casereccio e abbondante) e per la gentilezza della proprietaria.

Comunque…tornando a noi…

Di cosa si tratta?

All’ora prestabilita ci incontriamo con gli organizzatori che ci danno: muta da sub, caschetto e scarpe… Si perché il Canyoning consiste nell’attraversare a piedi un torrente. Alle volte serve l’aiuto di corde metalliche ancorate alla roccia per procedere lungo il percorso, mentre in altre occasioni, si salta direttamente dalle rocce, tuffandosi in acqua. (freddissima 😖)

Detto così sembra brutto… invece ci si diverte un sacco oltre che provare un sacco di emozioni.

Ci sono 3 percorsi a disposizione e naturalmente noi abbiamo scelto il percorso base (Val Bodengo 1). È composto da qualche scivolo nella roccia (levigate naturalmente dall’acqua), diverse discese con la corda e carrucola ed infine si attraversa una enorme parete di sasso per tuffarsi in acqua e finire il percorso. Il tutto dura circa 3 ore, e solitamente lo si fa insieme ad un gruppo di persone (improvvisate) come noi.

Certo, bisogna stare attenti e ascoltare molto bene ciò che dice l’istruttore, ma non è affatto pericoloso. La guida rimane sempre con il gruppo e per le foto ricordo ci pensa lei ad immortalare i momenti più buffi (galleria fotografica a fondo pagina).

In conclusione…

Tirando le somme è stato un weekend fantastico, anche per la visita della città di Chiavenna il giorno seguente!

Lo consiglio vivamente per un fine settimana strappa emozioni!

P.S. Per fortuna/purtroppo il cellulare non prende nella valle🤐.

Se ti è piaciuto, condividi l’articolo con chi vuoi. Grazie e a presto 😋

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.